WandaVision- Recensione 1×01 e 1×02

L’attesa è finita e i primi due episodi di WandaVision sono stati rilasciati venerdì! Ogni venerdì verrà rilasciato un episodio, disponibile anche doppiato, e in totale ne saranno nove.
Se non li avete ancora visti l’articolo potrebbe contenere spoiler, perciò consiglio la lettura dopo la visione (gioco di parole puramente casuale) degli episodi.

Integrarsi

WandaVisionQuesti primi due episodi di WandaVision si focalizzano principalmente sul fatto che Wanda e Visione cercano di integrarsi nel mondo da sit-com in cui vivono, che chiaramente è una realtà fittizia. La nuova vita dei due sembra partire direttamente dal momento in cui si sposano e una delle cose che subito si nota è il fatto che né Wanda né Visione ricordino di avere un anniversario.
Questa stranezza viene evidenziata nel momento in cui Wanda conosce la vicina Agnes, che le fa domande personali ed emerge che Wanda non ha alcun ricordo delle nozze, non ha una fede e non sa neppure se lei e Visione hanno una canzone. Tuttavia i due ricordano di non essere persone comuni e proprio per questo cercano di integrarsi, al fine di non destare sospetti.

La strana cena

Nel primo episodio di WandaVision vediamo Wanda e Visione negli anni 50 condurre una vita ordinaria, Visione ha persino un lavoro mentre Wanda si fa consigliare da Agnes cosa organizzare per l’anniversario che non ricorda. In realtà l’evento di quel giorno è una cena con il capo di Visione e quando quest’ultimo chiama Wanda per avvisarla lei fraintende tutto. Perciò quando Visione torna a casa in compagnia del capo e la moglie trova Wanda che ha preparato una serata romantica soltanto per loro due. Tra un pasticcio e l’altro e l’aiuto di Agnes Wanda riesce a metter su qualcosa per la cena, ma è qui che le cose si fanno strane. Non appena i coniugi Hart fanno domande sulla vita privata di Wanda e Visione la ragazza ha dei vuoti e non ricorda neppure da quanto si conoscono. La cosa più assurda accade quando il signor Hart si sta strozzando e la moglie resta impassibile ripetendo “Smettila” e Visione non prova neppure ad aiutarlo finché non glielo ordina Wanda.
L’episodio si conclude con Wanda e Visione sono ormai consapevoli di non aver mai avuto né fedi né un anniversario e decidono che da quel momento ne hanno uno. Dal mondo “esterno” qualcuno osserva il tutto e prende appunti su un’agenda con il simbolo dello S.W.O.R.D.

Magia e illusioni

Nel secondo episodio ci spostiamo negli anni 60, in cui l’argomento principale è il talent show del quartiere per raccogliere fondi per bambini a cui anche Wanda e Visione parteciperanno. I due per lo spettacolo adottano i nomignoli “Illusion” e “Glamor” e provano dei semplici giochi di prestigio prima di dedicarsi ognuno alla propria giornata. Al povero Visione durante un incontro con i vicini capita una delle cose più buffe e assurde viste in un prodotto Marvel, per sbaglio ingoia una gomma e gli fa inceppare i circuiti. Wanda invece è alle prese con il comitato per l’organizzazione del talent show e fa la conoscenza di Dottie, che sospetta che Wanda nasconda qualcosa di strano. Qui succede qualcosa di interessante, come visto nel trailer una voce proveniente da una radio dice “Wanda chi ti sta facendo questo?” e subito dopo esplode un bicchiere ferendo Dottie, stranamente il sangue è un rosso vivo anziché in bianco e nero come tutto il resto.
Giunge il momento dello spettacolo e qui ne vediamo delle belle perché Visione si trova in uno stato simile a quello di un ubriaco e utilizza i propri poteri e abilità davanti a tutti, fortunatamente Wanda pone rimedio con i suoi poteri.
Il finale dell’episodio è un susseguirsi di colpi di scena, Wanda continua a ripetere che l’hanno fatto per i bambini e soltanto in quel momento si ritrova con il pancione. Nello stesso momento lei e Visione sentono uno strano rumore e si precipitano fuori casa, vedendo un uomo vestito da apicoltore e che Wanda sembra temere, infatti “rimanda” indietro il tempo fino a pochi secondi prima e tutto diventa a colori.

Riferimenti ed easter eggs

In soltanto due episodi WandaVision presenta molti riferimenti e omaggi ad altri prodotti del MCU. Nel primo episodio la data sul calendario segna il giorno 23, che è il numero totale dei film usciti fino ad ora. Ma il riferimento più palese è lo spot pubblicitario del tostapane prodotto dalle Stark Industries, che come sappiamo esisteva già negli anni 40.
Nel secondo episodio invece gran parte della trama legata allo spettacolo e ai nomignoli scelti da Wanda e Visione non è altro che un omaggio ai personaggi Illusion e Glamor apparsi proprio nella serie a fumetti “Vision and The Scarlet Witch“, una coppia di coniugi che cerca di celare i propri poteri ai vicini. Un secondo spot appare durante l’episodio e questa volta riguarda un orologio prodotto dagli Strucker, che è proprio il cognome di colui che ha condotto gli esperimenti su Wanda e Pietro. Un altro simpatico omaggio è il numero civico della casa di Wanda e Visione, 2800 infatti è una delle tante terre del multiverso e infine i bambini sono chiaramente Billy e Tommy, i figli di Wanda nei fumetti.

Considerazioni generali

WandaVision è un prodotto unico nel suo genere poiché diverso da tutto ciò a cui il MCU ci ha abituati, la formula sit-com è stata un azzardo, ma a mio parere funziona alla grande. Non lasciatevi ingannare da questa scelta particolare perché già solo con le prima due puntate inizierete a formulare teorie e farvi tante domande. Le interpretazioni di Elizabeth Olsen e Paul Bettany sono fantastiche, adattandosi perfettamente al genere e ammetto che sono rimasta piacevolmente sorpresa di vedere il lato comico di Paul (che mi ha fatta divertire un sacco). Non mancano i momenti di serietà e a tratti inquietanti, come il signor Hart che si strozza e la moglie assiste con un sorrisetto impassibile. Il personaggio di Agnes è stato una rivelazione, ci sono dei momenti in cui può sembrare lei l’artefice di tutto, altri in cui invece sembra un’alleata e potrebbe in realtà essere Agatha Harkness, che nei fumetti è una strega e una mentore per Wanda.
Un inizio decisamente promettente e mi aspetto grandi cose da questa serie, non vedo l’ora di vedere il prossimo episodio!

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su:
Condividi su
Anna
About Anna 74 Articles
Mi chiamo Anna, ho 23 anni e vivo a Napoli. Sono una nerd che ama la Marvel, Star Wars ma sono anche una serie tv addicted e amante dei videogiochi, in particolare quelli di fantascienza. Amo leggere e scrivere sin dai tempi delle medie e sono felice di aver trovato questo spazio in cui parlare delle mie passioni!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.