Love, Victor | Recensione no spoiler

Salve a tutti e grazie per aver aperto questo articolo! Oggi voglio parlarvi di Love, Victor una serie tv statunitense la cui prima stagione è stata rilasciata il 19 giugno 2020 da Hulu. La serie è uno spin-off del film Love, Simon, tratto a sua volta dal libro Simon VS the homo sapiens agenda di Becky Albertalli. Se vi interessa, vi lascio qui la mia recensione del film.

Trama

La serie (qui trovate il trailer) parla appunto di Victor, un ragazzo che si è appena trasferito alla Creekwood High School e del suo viaggio alla ricerca di se stesso, tra la scuola e la famiglia. La storia però segue anche le vite dei suoi genitori, Armando e Isabel, di sua sorella Pilar e dei suoi compagni Mia, Lake, Felix e Benji.

Cast

Victor è interpretato da Michael Cimino. Nei panni dei suoi genitori abbiamo invece James Martinez e Ana Ortiz (conosciuta per aver interpretato Hilda Suarez nella serie tv Ugly Betty). I fratelli di Victor, Pilar e Adrian, sono interpretati da Isabella Ferreira e Mateo Fernandez. Abbiamo poi Anthony Turpel nel ruolo di Felix, vicino di casa e successivamente amico di Victor. Infine vi sono Bebe Wood, Rachel Naomi Hilson e George Sear rispettivamente nei ruoli di Lake, la ragazza popolare della scuola e di Mia e Benji, interessi amorosi del protagonista.

Nick Robinson ritorna a vestire i panni di Simon, principalmente come voce fuori campo (risponderà a dei messaggi di Victor, riprendendo la corrispondenza tra lui e Blu presente nel film), sebbene apparirà in uno degli episodi insieme a Bram Greenfeld (Keiynan Lonsdale).

Commento

Love, Victor è una di quelle serie che già dal primo episodio riesce a farti sentire una totale empatia nei confronti del protagonista. Victor, come del resto tutti gli altri personaggi, non è perfetto. Si arrabbia, è impulsivo, vorrebbe dire e fare cose che poi non dice e non fa, è pieno di insicurezze. Ed è proprio nelle sue insicurezze che mi sono rivista, nella sua paura di scoprire chi è realmente per paura che il vero se stesso possa non piacere alle persone che ama. Lo si vede benissimo nei primi episodi, quando cerca con forza di negare i suoi sentimenti salvo poi cedere sotto il loro peso. Ma il bello di Victor, la sua forza, sta nel fatto che sa chiedere scusa. Sa fare un passo indietro per ammettere i suoi errori e cerca di fare il possibile per tenere unita la sua famiglia.

Diversi tipi di famiglia

La sua famiglia che invece ogni giorno di più sembra disgregarsi, tra sua sorella che non si adatta alla nuova scuola e la situazione tra i suoi genitori. E anche sotto questo punto di vista penso che la serie ci abbia preso in realismo, mostrando una famiglia piena d’amore, ma anche di problemi, che cerca di andare avanti come può.

Il tema della famiglia viene poi ripreso dalle diverse storie di Mia, Felix e Lake, mostrando quanto a volte l’apparenza sia distante dalla realtà.

Un ulteriore punto a favore della serie è il modo in cui sono gestiti i rapporti tra i personaggi. Essendo una serie adolescenziale in realtà molte cose possono benissimo essere dedotte dal primo episodio (il rapporto tra Benji e Victor, quello tra Felix e Lake…), ma ciò non toglie nulla alle serie, che resta comunque piacevole da guardare per staccare un po’ dal mondo.

Infine, in Love, Victor non si può fare a meno di apprezzare la musica: a partire dalla sigla, che io canticchio ormai da una settimana, passando per Call me maybe e arrivando a Conan Gray.

Conclusione

Onestamente avrei bisogno che la seconda stagione uscisse domani perché, come ormai quasi tutte le serie, anche questa è finita con un pazzesco cliffhanger.

Mi è piaciuto moltissimo l’espediente narrativo che hanno utilizzato per inserire Simon all’interno della storia, perché è risultato naturale e soprattutto non pesante. Per chi come me poi ha amato Simon e Bram è stato impagabile vederli tornare, quindi vale la pena vedere la serie anche per questo.

Non solo, ma Michael è riuscito a farmi provare le stesse emozioni di Victor, è stato capace di farmi innamorare di Mia e di Benji e di farmi amare e odiare al tempo stesso Armando e Isabella. Sono curiosa di vedere come si evolverà la storia e il soprattutto il suo personaggio, che è già diventato uno dei miei preferiti del mondo delle serie tv.

E voi? Avete visto Love, Victor? E se sì, che ne avete pensato? Fatemelo sapere con un commento!

Grazie mille per essere arrivati fino a qui!

Dal paese delle meraviglie,

Alice <3

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su:
Condividi su
Avatar
About Alice 36 Articles
Alice, 17 anni. Serie tv dipendente e topo da biblioteca. Solitamente mi faccio riconoscere perché mi dispero ad alta voce per le mie (tante) OTP non canon. Nel tempo libero mi dispero perché la mia gatta mangia troppo e frequento il quarto anno del liceo scientifico.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.