“Ma ricordate bene: tutto quello che farete nella vita non sarà così leggendario se non avrete con voi degli amici.”

 

How i met your mother è una di quelle serie tv che mi ha letteralmente cambiato la vita e il modo di pensare. Ricordo che quando la vidi per la prima volta la trasmettevano su Italia 1, talvolta anche a episodi alternati o in ordine cronologicamente sbagliato. Inutile dirvi che nel corso degli anni ho fatto tanti di quei rewatch della serie che ormai potrei quasi recitarvela. Sebbene la serie (lunga 11 anni!) sia presentata come sitcom e fondamentalmente scherzosa, c’è da dire anche che contiene alcune lezioni di vita che mi accompagneranno per molto tempo. Ecco a voi le mie preferite.

Correre dei rischi:

“Se non hai paura, non corri nessun rischio. E se non corri nessun rischio, allora che razza di senso ha?”

Se c’è una cosa che ho imparato dalla saggia mente di Ted Mosby è che bisogna sempre correre dei rischi. Quando si è incerti o spaventati, bisogna correre il rischio e buttarsi per ottenere ciò che si vuole.

Non accade nulla di buono dopo le 2 di notte:

“Sapete, vostra nonna diceva sempre dopo le due di notte non succede mai niente di buono e aveva ragione. Quando scoccano le due, tornate a casa e andate a dormire, altrimenti…”

Nonostante la mia vita sociale sia molto limitata, è davvero così: dopo le due di 2 non succede mai nulla di buono, quindi andate a dormire, riposatevi e siate carichi per il mattino che vi attende.

Se pensi che sia la persona giusta, non aver paura del futuro:

“Io ho paura, va bene? Ma quando penso di passare tutta la vita con Lily, di legarmi per sempre, senza altre donne la paura non l’avverto più.”

Le relazioni spaventano sempre, soprattutto quando si è giovani. Ci si fanno mille complessi, si pensa al futuro insieme e si passa il tempo a suon di “ma se…”. Ragazzi, quando trovate la persona giusta, nonostante gli ostacoli che la vita vi presentà, non abbiate mai paura. E magari la vostra storia d’amore sarà perfetta come quella di Marshall e Lily.

Se è pazza deve essere anche gnocca:

“Una ragazza può essere pazza purché però sia altrettanto gnocca. Se è pazza tanto così, sarà tanto così gnocca. Se è pazza tanto così, sarà tanto così gnocca. Una ragazza non deve trovarsi al di sotto di questa riga nota anche come diagonale di Vicky-Mendoza. Era una con cui uscivo, campionessa di salto di questa linea: si rasava la testa e perdeva quattro chili, mi infilzava con una forchetta e si rifaceva il seno. Quasi quasi le telefono.”

Ragazzi, seguite la filosofia di Barney Stinson e state attenti su chi fate colpo, o potreste trovarvi una Vicky Mendoza nella vita (si ragazze, vale anche per noi, attente a chi scegliete.)

Bugie:

“Una bugia è solo una bella storia che qualcuno rovina con la verità.”

Attenti a non raccontare troppe bugie, sebbene magari ve ne venga una super creativa e piena di dettagli. Magari una piccola bugia a fin di bene una volta ogni tanto può scappare, ma attenti a non esagerare.

Chiudendo una porta si apre un portone:

“La cosa buffa è questa: per quanto fosse tutto assurdo ero quasi felice. Per la prima volta dopo anni non c’era nemmeno più una piccola parte di me aggrappata al sogno di tornare con Robin. E questo significava che il mondo era di nuovo spalancato davanti a me, perché ragazzi quando una porta si chiude… Beh, il resto lo sapete.”

Gli imprevisti capitano e va bene. Se qualcosa di brutto vi blocca la strada, o vi sembra di incontrare imprevisto dopo imprevisto, state tranquilli: l’universo ha sempre un piano B. Chiudete quelle parti della vostra vita a chiave, risollevatevi e andate avanti a testa alta… non saprete mai cosa di bello potrà capitarvi.

Le delusioni amorose portano all’anima gemella:

“Non so se ti sia mai resa conto di quanto ti abbia aspettato. È stato un percorso lungo e difficile: sai bene che ho amato prima di te, e per questo mi sono sentito solo, spesso abbandonato e Dio solo sa quante volte mi sono sentito rifiutato. Mi sono giocato il cuore, come uno stupido, ogni volta pensando che sarebbe stata l’ultima. Ero arrivato a un punto in cui il mio unico desiderio era di scappare il più lontano possibile dalla mia vita, da me stesso, dalle delusioni e dal dolore che non potevo più sopportare. Ero stanco, sfinito, deluso. E poi sei arrivata tu. Tu, Tracy McConnell, mi hai salvato in tutti i modi in cui un essere umano può essere salvato. Sei entrata nella mia vita come un temporale primaverile, ed hai sconvolto tutto, rimettendo al proprio posto ogni singolo tassello del puzzle.”

Se vi ritenete sfigati in amore, non perdete mai la speranza. L’anima gemella è da qualche parte ad aspettarvi.

Rinunciate alle relazioni a distanza:

“Una relazione a distanza è una bugia che i teenagers si raccontano l’un l’altro per rimorchiamo l’estate prima del college.”

Eccezioni a parte, raramente le relazioni a distanza funzionano. Non mentite a voi stessi e non fate salti mortali inutili pe far funzionare qualcosa che non ha futuro.

I compromessi sono fondamentali:

“… E ricordati che l’amore che provi per quella persona è molto più importante di una vittoria.”

In amore e in amicizia i compromessi sono indispensabili per mantenere sano il rapporto. Non potete sempre averla vinta, anche quando il vostro orgoglio vi frena.

 

 

Così concludo l’articolo. Questi sono alcuni tra gli insegnamenti che preferisco, ma ovviamente la serie in se è ricca di messaggi e pillole di vita. Se ve ne viene in mente qualcun altro, non esitate a scrivere un commento qua sotto.

 

 

-Aurora

 

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su

Facebook (Sara Scrive’s blog)

Twitter (Scrive_Squad)

Instagram (Scrive_Squad)

Se invece vuoi solamente mandarmi opinioni sugli articoli,  foto dei tuoi gatti o dei tuoi cani o semplicemente vuoi perdere tempo su un profilo Instagram pieno di foto carine e coccolose, puoi seguirmi qui: @rorassss

 

 

 

 

Written by

Aurora

Studentessa di doppiaggio, amante dell'arte, marvel addicted e topo di biblioteca. Ma ho anche dei difetti