Intervista al doppiatore Leonardo Graziano

Ciao ragazzi! Lo scorso 8 Giugno ho partecipato al Festival del Doppiaggio “Le voci del cinema” e fra gli ospiti di punta c’era proprio uno dei miei doppiatori preferiti: Leonardo Graziano. Essendo incaricata di fare le interviste, per me è stato un vero onore poter fare qualche domanda ad uno degli artisti che stimo di più.

Per chi ancora non lo conoscesse, Leonardo Graziano è un doppiatore, speaker, presentatore e attore italiano. Molti lo conoscono soprattutto per essere la voce italiana di Naruto Uzumaki nella serie Naruto e di Sheldon Cooper in The Big Bang Theory, ma basta dare una sbirciatina al suo curriculum per scoprire che questo artista si è dato davvero da fare!

 

Intervista a Leonardo Graziano

Quando hai cominciato a doppiare?

Non ho iniziato da piccolissimo, avevo 19-20 anni, ma recitavo da quando ne avevo 14.

C’è qualche personaggio a cui sei maggiormente legato?

Adoro fare tutto, non c’è un ruolo che preferisco piuttosto che un altro perchè mi sembra sempre di fare un torto ad un personaggio. Alla fine ogni personaggio è una parte di me in cui tiro fuori da un cassetto una mia emozione mentre lo sto doppiando. Per questo non riesco a sceglierne uno…anche se sicuramente sono molto affezionato a quelli che doppio da più tempo, però ci sono tante cose di cui sono orgoglioso di aver fatto, come Dark, e altre serie minori ma di un certo spessore. La questione è complicata!

Si vede infatti che ci metti molta passione in quello che fai.

E’ vero: io sono innamorato del mio lavoro e spero che il doppiaggio si possa salvaguardare perchè credo che sia un grande artigianato che permette a tutti di fruire di prodotti di intrattenimento e abbattere le barriere linguistiche. E’ come se domani qualcuno ti chiedesse di andare in libreria e di leggere “I fiori del male” di Baudelaire in francese o “Delitto e Castigo” in russo… sarebbe assurdo. Noi doppiatori traduciamo non adattiamo niente, siamo molto fedeli all’originale. Per questo dobbiamo tutelare l’artigianato del doppiaggio.

Cosa consiglieresti a tutti noi studenti di Arte e Spettacolo nel caso in cui volessimo avvicinarci al doppiaggio?

Recitare, recitare, recitare. Doppiare è una branca della recitazione. E’ come se tu andassi da un chirurgo ad operarti che però ha studiato semplicemente chirurgia ma non anatomia. Per questo incoraggio sempre la recitazione, soprattutto su un palcoscenico. Recitare è alla base, se non si è attori questo mestiere non si può fare. Poi ovviamente bisogna specializzarsi anche nel doppiaggio per avere sotto controllo questo lavoro con una preparazione a 360 gradi invece che 180.

Leggi manga? Cosa ne pensi di Naruto?

Si, ma non ho letto il finale di Naruto, quello non l’ho ancora voluto sapere. Naruto è uno shonen ricco di contenuti, che racconta alcuni temi come se fosse uno shojo. Naruto è uno shojo mascherato da shonen, con parti molto emozionanti e personaggi davvero delicati. Masashi Kishimoto ha avuto molto successo anche per questo, perchè ha un’introspezione psicologica dei personaggi davvero approfondita.

The Big Bang Theory è ormai concluso, ci sono stati un sacco di dibattiti sul finale, ma tu che hai interpretato Sheldon, cosa ne pensi?

Sheldon è cresciuto come tutti noi. Si cambia carattere, smussiamo aspetti del nostro carattere o cambiamo radicalmente. Sheldon ha avuto un’evoluzione coerente alla caratterizzazione del suo personaggio.

Grazie mille, Leonardo, per averci dedicato il tuo tempo, ti auguriamo buon lavoro e un futuro brillante per la tua carriera!

 

Qui Sara Scrive, passo e chiudo!

 

Ps. Mi raccomando, fate un salto sulla pagina facebook ufficiale di Leonardo Graziano!

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su:
Condividi su
Avatar
About Sara 375 Articles
Sara. Roma. 7 sorelle. Fangirl a tempo pieno. La leggenda narra che io sappia disegnare oltre che essere pazza per i Jonas Brothers.

1 Trackback / Pingback

  1. Leonardo Graziano: una voce che suona familiare...

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.