Recensione Shameless 10×04 – A little Gallagher goes a long way

Recensione Shameless 10×04 – A little Gallagher comes a long way

Buongiorno/pomeriggio/sera a tutti e grazie per aver aperto questo articolo!

Come avrete letto dal titolo oggi parliamo della 10×04 di Shameless, dal titolo “A little Gallagher goes a long way”, andata in onda una settimana fa in America.

Considerazioni generali

Parto con il dire che, personalmente, questa puntata non mi ha entusiasmata più di tanto, salvo alcune cose, probabilmente perché l’ho visto come un episodio di passaggio. Ha influito il fatto che nella puntata ci sia stato -per i miei gusti- troppo tempo dedicato a Debbie e poco o addirittura niente dedicato ad esempio a Lip oppure ai Gallavich. Nonostante ciò, ci sono state alcune storyline che ho apprezzato: quella di Lip con Fred per esempio (specialmente il ritorno a casa di Tami) oppure quella di Mikey e Frank.

Ma andiamo con ordine!

Debbie

La detesto. Sul serio. Non importa quanto io adori l’attrice o quanto mi faccia tenerezza Frannie, Debbie non riesco proprio a sopportarla -che ne è stato della bambina adorabile delle prime stagioni? Nelle prime puntate di questa stagione mi ero decisa a darle una possibilità, pensando ingenuamente che senza Fiona a prendersi cura della casa lei sarebbe stata costretta a maturare una volta e per tutte. E invece mi sbagliavo, perché non solo Debbie non matura, ma è come se in ogni episodio facesse un passo indietro. Prima i vestiti, poi le carte prepagate, adesso il cercare di avere dei soldi da Derek dopo la sua morte… più passano gli episodi, meno la reggo. Spero davvero che possa esserci un cambiamento in senso positivo, anche se arrivati a questo punto l’unica cosa possibile è un miracolo.

Liam

Probabilmente lo dirò in ogni recensione, ma adoro il suo personaggio. E personalmente penso che l’attore per essere così piccolo stia dimostrando di avere talento, quindi adoro il fatto che gli stiano dando delle storyline da solo e non soltanto come spalla a qualche altro personaggio. Detto ciò, non sono d’accordo con le cose che ha detto Mavar, ma penso che Liam con lui avrebbe potuto avere la possibilità di allontanarsi dai Gallagher e di crescere in maniera un po’ più sana per cui non sono nemmeno d’accordo con quello che gli hanno fatto dire e fare nell’episodio e più in generale non riesco ad immaginare cosa abbiano in mente per il suo personaggio per il resto della stagione e devo ammettere che sono abbastanza curiosa -sperando sempre che non lo rovinino come hanno fatto con altri personaggi.

Carl

Tutta la storia del triangolo scemo personalmente la trovo vista e rivista, quindi onestamente non mi ispira chissà quanto vedere Carl diviso tra due ragazze. Penso invece che sarà interessante cercare di capire come riuscirà a far stare tutta l’enorme famiglia messicana nella già caotica casa dei Gallagher e sopratutto come manderanno avanti la storia dei figli di Frank che in realtà sono suoi.

Kev&V

Non chiedetemi perché, ma il personaggio di Kev in queste ultime puntate mi ha infastidita e non poco -sarà per la storia filler della crisi di mezza età, sarà per l’idea che sua moglie possa avere soltanto amiche donne e/o maschi gay-, ma spero vivamente che V possa accettare il lavoro e allontanarsi un po’ da lui e dall’Alibi. Anche perché, dopo la storia infinita tra loro due e Svetlana, penso sia arrivato il momento di dare a Veronica una storia decente -ma in tutto questo, che fine hanno fatto le gemelle?

Lip

Ogni volta che vedo Lip con Fred mi sciolgo, non posso farci nulla. Jeremy Allen White è nato per questo ruolo e soprattutto Lip è nato per fare il padre. Non perché sia perfetto, ma perché ci prova e non si arrende nonostante le mille difficoltà.

La scena del ritorno a casa di Tami l’ho trovata molto dolce e non vedo l’ora di vedere come verrà approfondito il loro rapporto come genitori e come coppia nei prossimi episodi.

Frank&Mikey

Qui lo dico e qui lo nego, io questi due li adoro. Molta gente ha commentato che è assurdo che a Frank importi più di Mikey che dei suoi sei figli, ma io il loro rapporto e le loro scene in questo episodio le ho trovate molto dolci -il fatto che Frank abbia racconto i soldi per portare Mikey al pronto soccorso, il momento in cui lo ha presentato come il suo migliore amico, la scena finale… tutto ciò senza contare che negli scorsi episodi grazie a loro mi è sembrato di rivedere un po’ del vecchio Shameless, con le truffe fallite e le cose rubate a Debbie.

In ogni caso, penso e spero che tra qualche episodio Mikey farà di nuovo la sua comparsa, perché quello che ha fatto, se messo in relazione con la gravità del suo problema di salute, probabilmente non lo terrà dentro molto a lungo.

Moltissimi hanno criticato il fatto di difendere Mikey, che nemmeno tre episodi fa incoraggiava Frank a riprendere il potere in casa sua e a dare nuova vita al patriarcato, ma penso che una delle cose più grandi che Shameless riesce a fare è quella di farci empatizzare con personaggi distanti anni luce da noi e di cui non approviamo la maggior parte dei comportamenti.

Una cosa che mi ha colpito moltissimo, come sempre fa Shameless, è una piccola frase che nasconde un mondo: “Torno in prigione. Così posso avere delle cure sanitarie gratuite da veri medici. È la migliore assistenza sanitaria che questo paese fornisce ai poveri”. Penso che in una singola frase non solo sia racchiuso uno dei più grandi problemi dall’America, ma anche che questa singola frase faccia capire tanto di questa serie. Una serie che ti fa ridere, spesso ti fa anche piangere, ma sopratutto ti fa riflettere perché non ha paura di sbatterti in faccia la realtà per quello che è.

E penso che questo sia il vero motivo per cui, nonostante gli anni, i buchi di trama, i personaggi che se ne sono andati e quelli che sono arrivati, non potrei mai smettere di guardare questa serie. Per questo, e anche per il fatto che in fondo ormai mi sento quasi una Gallagher anche io.

E voi? Che ne avete pensato dell’episodio? Quale storyline vi incuriosisce di più? Fatemelo sapere con un commento qui sotto!

Grazie per aver letto fino a qui

Dal paese delle meraviglie,

Alice

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su:
Condividi su
Avatar
About Alice 36 Articles
Alice, 17 anni. Serie tv dipendente e topo da biblioteca. Solitamente mi faccio riconoscere perché mi dispero ad alta voce per le mie (tante) OTP non canon. Nel tempo libero mi dispero perché la mia gatta mangia troppo e frequento il quarto anno del liceo scientifico.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.