“Non leggo perché non ho tempo” e altre bugie che raccontiamo a noi stessi

“Non leggo perché non ho tempo”. Quante volte vi è capitato di dirlo o di pensarlo? Quante volte lo avete sentito dire a persone a voi vicine?

Personalmente, ho sia detto questa frase e mi capita di ascoltarla più spesso di quanto vorrei. Fino a qualche tempo fa giustificavo una frase del genere, raccontami che la voglia di leggere c’era, ma il tempo scarseggiava. Quest’anno, trasferendomi in una città che brulica di librerie indipendenti praticamente a ogni angolo – Genova, ndr – mi sono detta che era arrivato il momento di accantonare le scuse e di iniziare a leggere sul serio. Questo articolo non nasce con l’idea di criticare, ma solo come un modo per aprire gli occhi a chi, come la me di un anno fa, vorrebbe tanto leggere ma poi non lo fa.

“Non leggo perché lo faccio tutto il giorno per l’università”

Essendo studentessa, ho usato per anni la scusa che avendo a che fare con i libri tutto il giorno a lezione o in sessione, non avevo né la voglia né tantomeno la forza di aprire un altro libro. In realtà, è tutta questione di sforzarsi un po’: leggere un libro per piacere non ha niente a che vedere con lo studiare e il sottolineare. Uno libera la mente, l’altro la appesantisce.

“Non leggo perché non ho tempo libero”

E qui si passa alle dolenti note. C’è chi studia e non ha tempo, c’è chi lavora e non ha tempo: a voi la scusa che più vi si avvicina. La mia domanda è: durante il tempo che non avete, lo guardate Netflix? La tv? Ascoltate la musica? Se la risposta è sì, allora avete appena trovato la vostra nuova fonte di tempo libero. Mi direte che leggere è più impegnativo, ma se siete lettori sapete quanto me che è più un piacere che un peso.

“Non leggo perché non ho soldi da spendere in libri”

E anche qui le soluzioni si sprecano: ci sono le biblioteche, ci sono gli ebook gratis su Telegram – in cui ogni giorno vengono aggiunti centinaia di titoli vecchi e nuovi – e ci sono siti innovativi che promuovono un’alternativa green: lo scambio libri. Se l’idea vi stuzzica, andate a cercare Acciobooks: un sito online già da qualche anno che incoraggia lo scambio di libri che non ci sono piaciuti, ricevendone alcuni che vorremmo leggere in cambio.

 

E voi? Trovate il tempo per leggere o preferite una bella serie tv su Netflix?

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su:
Condividi su

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.