Le serie tv e l’Età Vittoriana: consigli su cosa guardare

L’Epoca Vittoriana è il periodo storico che mi affascina di più in assoluto. Per chi non lo sapesse l’Età Vittoriana corrisponde al periodo della storia compreso nel regno della Regina Vittoria che va dal 1837 al 1901. Fu un momento florido per l’Inghilterra che attraversava un periodo di stabilità economica, di espansione commerciale e coloniale. Fu, inoltre, un periodo di grandi scoperte scientifiche che rivoluzionarono il mondo dall’Europa all’America. E’ grazie alle scoperte avvenute in epoca vittoriana che la scienza divenne la disciplina che è oggi. Basti pensare alla teoria sull’evoluzione di Charles Darwin. Fu un’epoca in cui le donne sentivano  il bisogno di emancipazione e iniziavano ad avere maggiore confidenza verso se stesse. Anche la letteratura ebbe un periodo molto florido, questi anni furono caratterizzati da profondi mutamenti sociali, che spinsero gli scrittori a prendere posizione su temi di immediato e comune interesse. I più grandi capolavori della letteratura furono scritti in questi anni, troviamo scrittori come Charles Dickens, Oscar Wilde, Robert Louis Stevenson, Rudyard Kipling, Edgar Allan Poe, Arthur Conan Doyle, Bram Stoker, Lewis Carroll e Mary Shelley. Ora capite perché sono così affascinata da questo periodo storico?

In questo articolo, quindi, voglio consigliarvi tre serie tv poco conosciute ma molto valide e storicamente accurate. Sono tutte ambientate alla fine del periodo vittoriano, negli ultimi anni del 1800. Iniziamo quindi.

PENNY DREADFUL

La prima serie di cui vi parlerò è entrata di diritto fra le mie preferite in assoluto. E’ una serie tv britannica di genere horror e gotico creata da John Logan. Ambientata nella Londra del 1891, prende il nome dalle omonime pubblicazioni horror, i ‘penny dreadful’, ossia opuscoletti settimanali contenenti storie gotiche, macabre e paurose che erano indirizzate alle classi medio basse inglesi con lo scopo di intrattenere i lavoratori nel poco tempo libero. La serie intreccia le origini di personaggi della letteratura horror come Dracula, Frankenstein, Dorian Grey, Dr Jekyll, licantropi, streghe e vampiri, i quali sono alle prese con le loro avventure nella Londra vittoriana. Con una ricostruzione fatta di scenografie di altissimo livello, le atmosfere vittoriane vengono sfruttate al meglio per ottenere un risultato ottimo. I costumi sono un altro punto forte della serie, rispecchiando in tutto e per tutto la psicologia di ogni personaggio. L’ambientazione è accompagnata da un cast stellare, Eva Green si distingue su tutti diventando l’anima dello show vestendo i panni della mistica, angelica e demoniaca Vanessa Ives. I personaggi sono tutti caratterizzati benissimo e i dialoghi sono scritti magistralmente e non risultano mai banali. L’unico difetto a mio parere è il finale che risulta deludente, dopo tre anni dalla fine della serie infatti non riesco ancora a mandarlo giù.

 

THE ALIENIST

Il romanzo ‘The Alienist’ scritto da Caleb Carr è stato adattato per il piccolo schermo dando vita a una serie televisiva affascinante, che trasporta gli spettatori nella New York del 1896.  La sinossi è riassumibile con questa frase che compare sempre nella sequenza iniziale di ogni puntata: “Nel diciannovesimo secolo si pensava che le persone affette da malattie mentali fossero alienate dalla loro vera natura. Gli esperti che le studiavano erano pertanto noti come alienisti”. Una serie quindi che unisce psichiatria e omicidi brutali. I nostri tre protagonisti interpretati da Luke Evans, Daniel Brühl e Dakota Fanning dovranno seguire le tracce di un pericoloso serial killer che si aggira per i bassifondi di New York e impedirgli di commettere altri omicidi facendo i conti con numerose false piste e una società corrotta pronta a tutto pur di difendere se stessa. Interessante anche il tema della psicologia criminale che iniziava a muovere i primi passi proprio in quegli anni. The Alienist nella sua fedele ricostruzione storica di un’epoca di grandi cambiamenti,  si dimostra un ottimo prodotto d’intrattenimento capace di creare una storia che rientra perfettamente nel genere poliziesco pur essendo ambientata alla fine dell’800′. Fra le tre serie che vi ho consigliato questa è l’unica ancora in produzione. In questi giorni infatti stanno iniziando le riprese per la seconda stagione e io non sto più nella pelle.

 

THE KNICK

L’ultima serie tv di cui vi voglio parlare è The Knick, un prodotto purtroppo poco conosciuto. La trama è molto semplice. Siamo nel 1900 a New York, più precisamente nel Knickbocker Hospital, noto come ‘The Knick’ e nel corso delle due stagioni seguiremo le vicende dei medici, delle infermiere e del personale le cui vite girano intorno all’ospedale. Insomma è un medical drama ambientato a inizio secolo, che volete di più? I personaggi sono molto ben caratterizzati e non sono mai stereotipati. Prendiamo ad esempio il dottor John Tackery, brillante medico che assume il controllo del reparto di chirurgia dopo il suicidio del suo mentore. Lui è una mente brillante che cerca di trovare rimedi efficienti e all’avanguardia per problematiche legate a patologie molto gravi, ma ha una dipendenza dalla cocaina che lo segnerà profondamente. Oppure prendiamo in considerazione la suora che lavora all’orfanotrofio dell’ospedale e che nel tempo libero fa abortire illegalmente le donne meno abbienti che non possono permettersi di allevare un figlio per le condizioni precarie in cui vivono. La sceneggiatura è brillante e ben scritta. Si affrontano tante dinamiche e vicende, dedicando la giusta attenzione alle questioni mediche che sono giustamente centrali nella storia ma non ignorando nemmeno gli sviluppi personali dei protagonisti e nemmeno quello delle tematiche sociali come il razzismo e il ruolo delle donne. Salta subito all’occhio la cura dei dettagli dell’epoca e delle tecniche mediche che erano ancora molto rudimentali. Per finire, vi raccomando di guardare anche questo piccolo gioiellino ma attenzione, non è adatto ai deboli di cuore. Le scene delle operazioni sono MOLTO crude e chi soffre alla vista del sangue dovrebbe evitare la visione, ve lo dico per il vostro bene.

Da Noemi è tutto! Sentitevi liberi di consigliarmi nei commenti altre serie tv ambientate nell’Età Vittoriana. Alla prossima!

 

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su:
Condividi su
Avatar
About Noemi 54 Articles
Ciao a tutti sono Noemi, una studentessa universitaria di 22 anni. Amo gli animali, viaggiare e scoprire nuove culture. Le mie due più grandi passioni sono il cinema e la letteratura e proprio per questo mi piacerebbe poterle condividere con voi su questo blog.

2 Commenti

    • Fantastico! Mi fa piacere sapere che ci sono persone che conoscono queste serie,soprattutto the knick che è praticamente sconosciuta a tutti. Grazie per il commento!

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.