Detective Pikachu: un ritorno in chiave moderna

L’era dei live action
Salve ragazzi, anche se con qualche mese di ritardo ho finalmente avuto l’occasione di guardare Detective Pikachu e quindi ho deciso di parlarvene. Da qualche anno siamo stati travolti dall’onda dei live action, quindi la Legendary Pictures e Warner Bros non si sono fatte scappare l’occasione ed hanno puntato ad un franchise amato sia dai grandi che dai piccoli.

Una trama dalle poche pretese
La storia comincia con il giovane Tim che riceve una chiamata dalla polizia di Ryme City per informarlo della morte di suo padre -il detective Harry Goodman- con il quale aveva interrotto i rapporti dopo la morte della madre. Tim si reca nella città dove viveva suo padre, un posto in cui esseri umani e Pokémon vivono in simbiosi  per ordine di Howard Clifford. Il ragazzo si reca all’appartamento in cui viveva quest’ultimo, lì incontra un’aspirante reporter -Lucy Stevens- con cui ha una breve conversazione. In casa trova una fialetta contenente del gas viola e commette l’errore di aprirlo, qui le cose prendono una piega inaspettata perché s’imbatte nel Pikachu di Harry e nello stesso istante vengono attaccati da un branco di Aipom inferociti, ma i due riescono a fuggire.
All’inizio il ragazzo è confuso dal fatto che solo lui riesca a sentire Pikachu parlare, ma poi decide di indagare con lui  sull’incidente di Harry. Collegando i vari indizi con l’aiuto di Lucy risalgono ad un laboratorio in cui venivano condotti degli esperimenti sui Pokémon, lì scoprono la verità: Mewtwo era stato catturato e sottoposto ad un esperimento, ma riesce a liberarsi.
Successivamente le strade di Tim e Pikachu si dividono per un breve periodo, entrambi però giungono alla stessa conclusione: dietro a tutta la vicenda c’è la mano di Howard. Egli infatti mira a trasferire la mente umana nel corpo dei Pokémon.
Nella parte finale del film assistiamo ad uno scontro da Pikachu e Mewtwo ‘posseduto’ mentalmente da Clifford, ma il piccoletto giallo ha la meglio. Infine scopriamo che il motivo per cui riesce a parlare è a causa di una fusione avvenuta con Harry durante l’incidente, Mewtwo ormai libero separa i due e tutto torna come prima.

Easter Eggs
Nel film sono presenti molti richiami al materiale originale , alcuni tratti dall’anime, altri dalla serie di videogiochi. Di seguito vi elencherò quelli che ho notato:
-Nella cameretta di Tim ci sono tanti poster, uno in particolare raffigura Reshiram e Zekrom, i due draghi leggendari dei videogiochi Pokémon Bianco e Nero
-In una scena vediamo un gruppo di Squirtle spegnere un incendio, ebbene questa scena è ripresa da uno degli episodi dell’anime
-Nello studio di Clifford possiamo notare la presenza di tre statue, esse raffigurano i tre pokémon leggendari Dialga, Palkia e Arceus

Cosa ne penso?
Il film mi è piaciuto molto, certo non è qualcosa di unico visto che non è il primo film di questo genere che viene realizzato. Credo che sia comunque riuscito nell’intento di intrattenere i più piccoli ed i nostalgici cresciuti con queste adorabili creaturine.

A voi è piaciuto? Avete scovato altri easter eggs? Aspetto le vostre risposte nei commenti, qui è tutto dalla vostra Anna!

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su:
Condividi su
Anna
About Anna 64 Articles
Mi chiamo Anna, ho 23 anni e vivo a Napoli. Sono una nerd che ama la Marvel, Star Wars ma sono anche una serie tv addicted e amante dei videogiochi, in particolare quelli di fantascienza. Amo leggere e scrivere sin dai tempi delle medie e sono felice di aver trovato questo spazio in cui parlare delle mie passioni!

2 Commenti

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.