Amici, Amanti e… | Recensione (spoiler)

Amici, Amanti e… è una bellissima commedia romantica. La pellicola è del 2009. Gli attori protagonisti della vicenda sono Natalie Portman, nei panni di Emma, e Ashton Kutcher, che interpreta Adam. Amici, Amanti e…mi ha emozionata. Avevo appena terminato un libro emozionante, quando mi sono messa a guardare questo film che secondo me vale la pena di vedere almeno una volta. Pensavo di non apprezzarlo, mentre alla fine mi è piaciuto molto.

Trama

Il film ripercorre tutte le volte in cui casualmente Emma e Adam si incontrano, fin quando decidono di diventare amici con benefici, senza innamorarsi l’un dell’altra. Entrambi in realtà si innamorano, ma Emma ha paura di soffrire e di affrontare i suoi sentimenti, perciò Adam deve combattere contro questa paura che la ragazza che ama possiede e fa di tutto pur di starle vicino. Dopo un periodo in cui non si frequentano più, infine i due si mettono ufficialmente insieme e mangiano la colazione come una vera coppia, giungendo poi al matrimonio della giovanissima sorella di Emma, grazie alla quale quest’ultima ha capito che ha bisogno di Adam e che lo ama.

Commento

Ho apprezzato questo film perché mi sono coinvolta parecchio nei personaggi. Prima di parlare di loro, vorrei scrivere qualche considerazione riguardo alla vicenda. Non è la prima volta che incontro un film che parla di amici con benefici, ma a parte questo fatto, l’evoluzione dei personaggi ha reso il tutto meno “già visto”.

Emma

Emma è diversa: non è abituata a emancipare le sue emozioni e su trova molto in difficoltà con esse anche quando una persona le piace molto. Sembra rappresentare la parte razionale, ma non ritengo giusti chiamarla “razionale”. Emma prova dei sentimenti, ma sin da piccola si è sempre trovata a disagio con essi. Per questo motivo aveva detto ad Adam che se lui non l’avesse mai più incontrata sarebbe stato fortunato. Nonostante questo suo problema, il ragazzo non demorde e ci prova in tutti i modi a farle abbattere la barriera di protezione che la ragazza costruisce per paura di soffrire: anziché regalarle un mazzo di fiori al loro primo vero appuntamento, le porta un mazzo di carote, sapendo che i fiori l’avrebbero messa in soggezione.

L’amore per Adam

A causa di questo problema, però, Emma perde Adam e da quel momento si concentra solamente sul lavoro. Al matrimonio di sua sorella, Emma capisce che ha sbagliato e che ha bisogno di Adam perché lo ama davvero. Così cerca di tornare indietro; vedendolo rincasare con Lucy, si sconforta, credendo di averlo perso, e la vediamo per la prima vera volta distrutta, poiché la vediamo in lacrime, in macchina, che canta le canzoni del cd che le ha fatto Adam per il periodo delle mestruazioni. Emma ha dei sentimenti, ma ha paura di soffrire e la vediamo sofferente infatti proprio per amore.

Alcune mie considerazioni

Quindi credo proprio che ciò che rende, per me, speciale questo film, sia il messaggio che mi è giunto: prima o poi tutti troveremo quella persona di cui avremo bisogno e che riuscirà a varcare le nostre barriere solide, come Adam ha fatto con Emma. Siamo tutti fragili, colmi di difetti e problemi, ma c’è per chiunque qualcuno in grado di amarci soprattutto per questi e di aiutarci a migliorare. Ogni tanto è importante ricordarci che siamo imperfetti, perché la frenesia della nostra quotidianità ce lo fa dimenticare.

Conclusione

Consiglio tantissimo questo film a chiunque sia innamorato o no, perché a parer mio trasmette tanta speranza e in prossimità dell’anno nuovo, tutti ne abbiamo bisogno! Nonostante la trama già vista, rimane comunque un film d’amore ed emozionante!

Joan

 

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su:
Condividi su
Joan
About Joan 22 Articles
Sono Joan, una ragazza di diciott'anni appassionata di musica, cinema, letteratura e astronomia. I miei film e le mie serie tv preferiti sono quelli di inizio anni 2000, ma non disprezzo quelli più recenti. Sono un'amante di Austen e Dickens, ma ultimamente sto iniziando ad amare anche Hugo e Marquez. Ho un debole per Haruf, un autore statunitense che mi ha completamente incantata. Amo diversi generi musicali, ma so per certo che il mio preferito in assoluto è l'alternative-rock. Non mi stanco mai di sentire i Red Hot Chili Peppers, gli Arctic Monkeys, gli Oasis, i Nirvana e infiniti altri artisti. Spero di farvi appassionare al mio mondo attraverso i miei articoli!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.