5 motivi per cui usare Goodreads

Essere un lettore nel 2020 significa avere molti più strumenti non solo per leggere – tra telefono, pc e i vari e-reader in commercio – ma anche una proliferazione di app che possono aiutare a districarci in questo mondo. Io sono sempre stata una purista amante di liste fatte su quadernini e post-it e libri cartacei di cui poter assorbire il profumo, ma, qualche anno fa, ho iniziato a usare Goodreads. Qui sotto troverete 5 buoni motivi per iniziare a usarla!

1. Tiene traccia dei libri letti

Se siete lettori forti come me, vi sarà certamente capitato di chiedervi quanti libri avete già letto, tra prestiti in biblioteca, e-book e volumi stipati nella vostra libreria personale. Una delle funzioni più utili di Goodreads è proprio questa: basterà cercare il titolo e aggiungere il libro in questione nella lista di quelli già letti, potendo allegare una valutazione da 1 a 5 e una breve recensione. Il vostro libro non si trova? Nessun problema! Sull’app è possibile aggiungere titoli rari, autopubblicazioni o, semplicemente, libri non presenti sul server.

2. Organizza sfide di lettura

Potrà sembrarvi ridicolo, ma niente quanto una sana competizione contro voi stessi potrebbe risollevarvi dal blocco dal lettore. A ogni nuovo utente, l’app dà la possibilità di creare una reading challenge, cioè il numero di libri che si spera di leggere entro la fine dell’anno. Personalmente, trovo questa funzione molto utile, tanto che negli anni sono passata da 16 a ben 40 libri letti. Non si tratta di vincere o perdere, bensì di rendersi conto che il tempo per la lettura, se non c’è, lo si deve creare.

3. Crea liste e sottoliste

Quanti amanti delle liste all’ascolto? Se avete (mentalmente) alzato la mano, Goodreads vi darà una gran mano in termini di organizzazione. Oltre a quelli già letti, sarete liberi di creare liste divise nel modo che più vi è consono: per generi, per casa editrice, oppure semplicemente considerando i libri ancora da leggere o le wishlist di quelli che vorremmo, ma che ancora non possediamo.

4. Spia cosa stanno leggendo i tuoi amici

Siamo ormai abituati a spiare le vite degli altri tramite i diversi social network che usiamo quotidianamente, tra Facebook, Twitter e Instagram. Ma non vi piacerebbe vedere qualcosa di più della solita foto al mare? Goodreads dà la possibilità di aggiungere i vostri amici e, così facendo, vedere cosa stanno leggendo, le loro wishlist e le eventuali recensioni lasciate ai libri che stanno leggendo.

5. Partecipa a gruppi di lettura e segui i book blogger più famosi

Nessuno dei vostri amici è un gran lettore e non avete nessuno da spiare? Nessun problema: su Goodreads troverete la maggior parte degli influencer libreschi presenti su Instagram o provenienti dai vari blog, come Ilenia Zodiaco o Matteo Fumagalli. Questo può essere un modo molto semplice e immediato per ottenere nuovi spunti di lettura, aggiungendo libri che, altrimenti, non avremmo mai scoperto. Un’altra funzione molto social è la grande presenza di gruppi di lettura a cui partecipare, in cui un insieme più o meno grande di persone si dà una certa scadenza per leggere un libro, per poi discuterne tutti insieme una volta terminata la lettura.

Quanti di voi inizieranno a usare questa app? Fatemelo sapere nei commenti!

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su:
Condividi su

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.