Tra feste, fumo e sala studio – recensione Skam France 3×01

Se siete degli assidui frequentatori di Twitter è quasi impossibile che vi sia sfuggita la serie tv del momento: Skam. Sebbene questa serie proveniente dalla Norvegia sia finita già da due anni, il fandom si mantiene sempre vivo grazie anche ai vari remake prodotti da diversi paesi dell’Unione Europea e non solo -è possibile infatti vedere una versione tedesca, una americana, una italiana e chi più ne ha, più ne metta! Oggi in particolar modo andremo a parlare del primo episodio della terza stagione del remake francese.

È infatti impossibile non essere innamorati della storia degli Evak e non essere curiosi del modo in cui francesi l’hanno riportata -facendo talvolta anche delle modifiche che, fino ad ora, ho personalmente apprezzato.

Ma vediamo nel dettaglio cos’è successo in questa prima puntata!

La prima scena in assoluto è un primo piano di Lucas che osserva un gruppo di ragazzi poco lontano da lui con espressione accigliata. Questa scena mi è piaciuta tantissimo, sia per la fotografia che per i colori. Inoltre penso che sia molto utile per cominciare a vedere che Lucas è ancora più chiuso di Isak e Martino.

La festa

L’abbiamo vista ormai in tutte le salse e sappiamo già come va a finire, ma questa scena è uno dei punti cardine da cui partire. Mentre Lucas, Yann, Basile e Arthur parlano di ragazze fumando una canna nella cucina della casa di Emma, due di loro entrano correndo. Fa così il suo ingresso il personaggio di Chloè, costretta a reggere la testa dell’amica mentre questa vomita. Quando poi Basile si offre di aiutare l’amica, ecco che lei comincia a fumare insieme a Lucas, con il quale poi parte anche un bacio. La festa però dura poco, perché la polizia entra in casa e Lucas, nella fretta di fuggire, non si accorge che dalla tasca gli scivola la busta con l’erba.

Manon a Londra

Il giorno dopo, mentre Lucas cerca di riprendersi dal post sbornia, Mika entra nella sua stanza in video chiamata con Manon. Dopo aver parlato un po’ tutti insieme, Lucas è incaricato da Mika (che lo definisce Michelangelo di culo e se qui non avete urlato mentite a voi stessi) di mostrarle la casa. I due parlano per un po’, fino a quando lei non gli chiede se sta vedendo qualcuno e lui con una scusa chiude la conversazione.

Daphnè e la sala comune

Nell’originale c’era il RUSS, nella versione italiana la radio per l’alternanza, in quella francese Daphnè decide di ridare nuova vita alla sala comune ormai abbandonata degli studenti. Invita quindi Lucas e i suoi amici ad una festa (e, se siete fan della versione originale o di quella italiana sapete già quando sarà importante per l’evolversi della storia).

Imane e l’erba

Durante una lezione, Imane si avvicina al nostro protagonista e gli rivela di aver preso la sua erba (quella che Lucas aveva perso alla festa insomma) e che gliela restituirà a patto che lui e i suoi amici vadano alla riunione organizzata da Daphnè.

La sala comune

Intanto tanto di cappello a Lucas per essere stato il primo ad aver effettivamente portato i suoi amici a questo maledetto incontro, visto che i due prima di lui ci hanno provato (poco), ma senza risultati. Mentre Daphnè parla, finalmente finalmente Lucas realizza che Elliot esiste e si perde a guardarlo al punto di estraniarsi totalmente dalla conversazione con i suoi amici.

Alla fine della riunione, Lucas ritrova il ragazzo davanti alle macchinette e si avvicina a lui in maniera nemmeno troppo sottile. Si ritrovano quindi a condividere una canna e a parlare di stranezze, fino a quando non vengono interrotti da Chloè (che, scusatemi, ma è davvero una cozza in tutte le versioni).

 

In conclusione, ho adorato tutto. La baguette squad/contrabbandieri di baguette è vita. Basile e Arthur hanno il mio cuore e lo stesso vale per Mika (“Michelangelo di culo” è ufficialmente la mia nuova citazione preferita).

Per Lucas penso ci sia da aprire una bella parentesi perché, come altre persone hanno notato sui social, è un personaggio con sfumature molto diverse da Martino o dallo stesso Isak. I primi secondi mi hanno colpita davvero tantissimo come dicevo all’inizio, proprio perché Lucas sembra davvero ancora più chiuso degli altri due (che, se pensiamo a chi sono i personaggi, non è poco).

Anche Elliot mi è piaciuto davvero un sacco sebbene sia comparso per tipo due minuti e, specialmente sapendo come va avanti la storia, non vedo l’ora di scoprire quali altri cambiamenti abbiano fatto gli autori- anche perché quello di Even è un personaggio talmente particolare che penso mi piacerebbe in qualsiasi universo (senza contare che, proprio come Skam Italia è riuscita a fare, spero che il cambiare parte della sua storia riesca ad aprire ancora di più la mente degli spettatori sul complicato mondo dei disturbi psichiatrici).

E, ovviamente, non vedo l’ora di vedere di più dell’amicizia tra Imane e Lucas, che è stata una delle mie cose preferite nella versione originale e nel remake italiano.

E voi che ne avete pensato di questa puntata? Pensate che Lucas e Skam France saranno all’altezza dell’originale e della versione italiana? Fatemelo sapere con un commento!

A prestissimo con il nuovo episodio,

-Alice

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su

Facebook (Sara Scrive’sblog)

Facebook page (ScriveSquad)

Twitter (Scrive_Squad)

Instagram (Scrive_Squad)

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su:
Condividi su
Avatar
About Alice 15 Articles
Alice, 17 anni. Serie tv dipendente e topo da biblioteca. Solitamente mi faccio riconoscere perché mi dispero ad alta voce per le mie (tante) OTP non canon. Nel tempo libero mi dispero perché la mia gatta mangia troppo e frequento il quarto anno del liceo scientifico.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.