Qualche curiosità su Supercar

Supercar (Knight Rider) ha debuttato negli USA nel 1982. Ecco qualche curiosità su un telefilm storico, in tutti i sensi.

Per chi è cresciuto coi telefilm degli anni 80, il nome Supercar dirà sicuramente qualcosa! La serie con protagonista un’auto intelligente ha debuttato negli USA il 26 settembre 1982 e scommetto che molti di voi non erano ancora nati. Comunque è grazie a questo capolavoro che David Hasselhoff è diventato una celebrità. Come chi? Se avete visto Baywatch saprete senz’altro che sto parlando di Mitch Buchannon. Buio totale? Mi sa che sono davvero troppo vecchio! In ogni caso Knight Rider rimane un mito della mia generazione soprattutto grazie a KITT, la stupefacente Pontiac Firebird Trans Am di colore nero che parla, ragiona, va a tutta velocità e spicca salti prodigiosi.

Ricordo parecchie cose di questa serie tv, sicuramente datata, ma che ancora oggi risulta godibile e divertente. Alla faccia dell’età!

Girovagando per il web ho scoperto un po’ di cose su Supercar, 8 curiosità che ai fan vecchi o nuovi potrebbero interessare.

1) Negli USA la sigla era anticipata da questa introduzione: “Knight Rider, un oscuro volo nel mondo pericoloso di un uomo che non esiste. Michael Knight, un giovane solitario in una crociata per difendere la causa degli innocenti, degli indifesi, degli impotenti in un mondo di criminali che operano al di sopra della legge.”

2) Perchè la serie, oggetto di culto per tanti appassionati, è stata chiusa nel 1986? Al termine della quarta stagione si sono accorti che gli ascolti erano in calo e i costi di produzione rimanevano alti. E fu così che Supercar non ebbe una conclusione: l’ultima puntata si chiude normalmente, senza una svolta nella trama o un messaggio, un grazie o un ciao.

3) Parecchi anni dopo il telefilm è risorto. Come Lazzaro?! Non proprio… Nel 2008 la NBC ha trasmesso un film che, ben accolto, fece da pilota ad una serie nuova di zecca. Ma senza nessuno degli interpreti originali. E infatti tutto andò a schifio piuttosto velocemente: ascolti pessimi e critiche non positive decretarono la chiusura di un progetto che evidentemente non interessava nemmeno al fan più accanito.

4) Non ditemi che non avete mai ascoltato anche solo per sbaglio la sigla di Supercar. Ma se è una delle cose che l’hanno reso un mito della tv! Okok, avete presente il film Ted? Ecco, Mark Wahlberg ha un cellulare e la suoneria che annuncia una conversazione con l’amico orsacchiotto è proprio il tema musicale di Knight Rider!

5) Il protagonista non è stato interpretato solo da David Hasselhoff ma anche da… Larry Anderson. Il perchè nessuno sappia chi sia è che Anderson si vede solo nella prima puntata. E cioè quando il suo personaggio non è ancora Michael Knight ma Michael Long: un poliziotto in fin di vita salvato dalle Knight Industries che subisce un intervento di chirurgia facciale. Da lì in poi ci fu spazio solo per il mento, il petto villoso e la chioma fluente del futuro Mitch di Baywatch.

A proposito di Hasselhoff…

6) E’ il possessore di ben DUE delle repliche ufficiali di KITT, commissionate dalla Universal. Tutte le vetture utilizzate sul set vennero invece distrutte! Una maledetta tragedia, se mi passate l’espressione…

7) Durante la lavorazione di tutte le stagioni il buon David ha dimostrato più volte di essere un discreto rompipalle, mettendo spesso il becco in fase produzione. Per esempio fu lui a far tornare il personaggio di April, visto che la sostituta non gli andava a genio. E fu sempre lui a fare in modo che Garth, il gemello cattivo di Michael Knight, non comparisse per più di due puntate. Interpretare due ruoli era troppo faticoso, povera stellina!

And last but not least…

8) Sembra proprio che uscirà, chi lo sa se al cinema o in streaming, un nuovo film di Supercar. La produzione è stata affidata a James Wan, responsabile del successo di Saw e regista, tra gli altri, di Aquaman e Fast & Furious 7. Quindi non proprio l’ultimo arrivato. Chissà cosa ne verrà fuori, sono sinceramente curioso…

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su:
Condividi su

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.