In memoria di Sergio Fiorentini 2018 – Casa del Cinema Roma

Ciao, ragazzi! Oggi vi vorrei raccontare di una piccola ma significativa esperienza risalente a qualche settimana fa. Lo scorso 11 Dicembre 2018, alla Casa del Cinema di Roma, ho avuto il piacere di partecipare all’evento organizzato da Eliana Lupo per ricordare la scomparsa del Maestro Sergio Fiorentini avvenuta l’11 Dicembre 2014.

“Padre dell’attore e doppiatore Maurizio Fiorentini, compagno dell’attrice/doppiatrice e direttrice del doppiaggio Eliana Lupo e zio del doppiatore Jacopo Bonanni, Fiorentini ha recitato in molte fiction televisive: Il maresciallo Rocca, Il maresciallo Rocca e l’amico d’infanzia, La buona battaglia – Don Pietro Pappagallo, Distretto di polizia, La squadra, Cuori rubati, Papa Giovanni – Ioannes XXIII, Paolo VI – Il Papa nella tempesta. Ha prestato la voce ad attori del calibro di Gene Hackman, Bill Cosby, Burt Young, Tony Burton, Max von Sydow, Tom Wilkinson e Patrick McGoohan, ma anche a Mel Brooks nel film Balle spaziali e al comico inglese Benny Hill nella serie The Benny Hill Show.

Ha inoltre doppiato Bud Spencer nelle due stagioni della serie televisiva Detective Extralarge, nella serie Noi siamo angeli e nei film Charleston, Botte di Natale, Al limite, Tesoro, sono un killer. Ha lavorato anche per il cinema d’animazione: sua è la voce di Apilone nella serie disneyana I Wuzzles, e, sempre per la stessa casa di animazione, ha caratterizzato il mandrillo Rafiki ne Il re leone, di cui è anche la voce narrante. Ha dato la voce anche al protagonista del lungometraggio francese La profezia delle ranocchie e al nonno della piccola Heidi nell’omonima serie a cartoni animati. Nel 2005 ha vinto il Premio alla Carriera maschile al Gran Galà del Doppiaggio-Romics. Nel maggio 2007, ha vinto il Premio alla Carriera alla quarta edizione del Leggio d’oro.”

Ogni anno, la famiglia di Sergio Fiorentini e i suoi amici più intimi, si ritrovano per celebrare una persona che sicuramente ha lasciato il segno in tutti coloro che lo hanno conosciuto, e che dopo questo evento è entrata anche nel mio di cuore. Mi ha colpito davvero tanto vedere l’affetto che i presenti hanno dimostrato nei suoi confronti, perchè difficilmente si vede una famiglia così unita.

La serata è stata aperta da Eliana Lupo con un commovente discorso, mentre alle sue spalle venivano proiettate alcune immagini della vita del Maestro Fiorentini. Successivamente abbiamo assistito alla visione di “In fondo a destra” cortometraggio del 2011 (che potete trovare qui) in cui Sergio Fiorentini è uno dei protagonisti.

Durante la serata è avvenuta la premiazione di “Voci del doppiaggio” organizzata da Davide Pigliacelli, scrittore e promotere del doppiaggio (potete visitare il suo sito qui) e sono state premiate le voci di: Davide Capone, Davide Perino, Michele Gammino e Ludovica Modugno. Premio extra allo storico del doppiaggio professor Gerardo Di Cola, autore di importanti libri sul doppiaggio (di cui ho letto il più recente “Federico Fellini e il Doppiaggio”).

Dopo tutti i ricordi legati a Sergio che i presenti hanno condiviso, il Maestro Giuseppe Cataldi si è esibito in “tanto pe cantà” – versione di Petrolini Ettore e in un suo inedito da lui composto per l’amico Sergio.

Con noi era presente anche Radio Cigliano che ha trasmesso in diretta “Dopocena con… In memoria di Sergio Fiorentini 2018“.

Come detto prima, è stato un piacere partecipare a questo evento perché, anche se non ho mai incontrato il Maestro Fiorentini, la famiglia è riuscita a farmelo conoscere attraverso le sue testimonianze.

Colgo l’occasione di questo articolo per suggerirvi la visione dei lavori del Maestro e per consigliarvi la lettura di “Federico Fellini e il doppiaggio” del professor di Cola.

Qui Sara Scrive, passo e chiudo!

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su:
Condividi su
Avatar
About Sara 346 Articles
Sara. Roma. 7 sorelle. Fangirl a tempo pieno. La leggenda narra che io sappia disegnare oltre che essere pazza per i Jonas Brothers.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.