Il Gobbo di Notre Dame. Quando la Disney colpiva duro.

Nuvole bianche, due torri che si stagliano nel cielo e poi l’inquadratura che si precipita in terra, di fronte a un carretto dove un giullare inizia a raccontare una storia. La musica è sontuosa e ci trascina direttamente ai piedi della grande cattedrale parigina dove Frollo, giudice corrotto e malvagio, uccide una povera donna che ha come unica colpa l’essere una zingara. Tra le sue braccia un fagotto che Frollo pensa sia della refurtiva. Non lo è, è un bambino deforme e Frollo vuole liberarsene gettandolo in un pozzo. L’arcidiacono interviene e lo blocca. Frollo, spaventato dal giudizio divino insinuatogli nella mente dal sacerdote risparmia il neonato e fa voto di prendersene cura a un patto: che viva nella cattedrale.

Un incipit così potente e meraviglioso è solo l’inizio di quello che ritengo essere il miglior film Disney di sempre. Una storia che parla di amore, amicizia, brama, razzismo, disabilità, ipocrisia, lussuria e tanto, tanto altro e lo fa sotto forma di un cartone animato rivolto ad un pubblico di bambini. La Disney osava, osava toccare un capolavoro come “Notre Dame de Paris” di Victor Hugo e trasporlo in qualcosa di proprio, esattamente come i grandi registi che vogliono mandare un messaggio. Il messaggio di questo film è forte come il suono delle campane e riecheggia ancora in me dalla prima volta che lo vidi.

Mi ricordo che la scena del lancio dei pomodori al povero Quasimodo mi turbò, così come la falsa bontà di Frollo, il cattivo più crudele della Disney (non c’è storia, Frollo è pura malvagità razzista, sessista e convinta di essere nel giusto).

Questo film è quello che la Disney non ha più il coraggio di essere, non ha più il coraggio di trasmettere dei veri valori come l’uguaglianza e la solidarietà, non ha più il coraggio di mostrare un popolino falso e vile che appoggia le peggiori nefandezze, non ha più il coraggio di mostrare un cattivo che non cerchi il solito potere ma che sia cattivo in maniera realistica, convinto di essere senza macchia e ricco di virtù.

“Il Gobbo di Notre Dame” è un film che andrebbe fatto vedere ai nostri bambini. Un capolavoro di tecnica e contenuti che non può che essere considerato uno dei migliori film Disney di sempre e che se me lo rovinano con un live action magari addolcendolo e banalizzandolo li vado a prendere uno per uno a casa.

 

Lorenzo

Se ti piacciono i nostri articoli e vuoi restare aggiornato sul mondo dello spettacolo, recensioni, news, interviste e altro ancora non dimenticare di seguirci su:
Condividi su
Avatar
About Lorenzo 55 Articles
Sono un grande appassionato di Cinema, soprattutto pellicole horror. Adoro anche il cinema classico e tutto ciò che non è mainstream. Sono anche un appassionato di videogiochi e serie Tv. Amo leggere e vado matto per Stephen King e Bruce Springsteen.

1 Trackback / Pingback

  1. Il Gobbo di Notre Dame. Quando la Disney colpiva duro. | Notre-Dame de Paris

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.